BENVENUTI SU MUOVERSIDADENTRO

LA VITA E' UNA DANZA

Muoversidadentro è il mio modo di osservare, danzare e vivere la vita. QUI PUOI TROVARE  Informazioni sulle mie proposte di danza e moviment...

11 giu 2020

RICOMINCIARE DAL RITMO

Prima lezione di tap dopo il lockdown. Finalmente.
Alla spicciolata arrivano gli allievi, che più che allievi considero degli amici. Sono emozionata e ho voglia di abbracciarli a uno a uno ma non si può. In cambio, imbarazzata, punto loro una pistola alla tempia, quella per misurare la temperatura. Siamo un po' tutti emozionati e agitati.
Consegnata l'autocertificazione prevista dalle normative, mi chiedono cosa devono fare. Allora, spiego, fino alla riga con le scarpe, poi bisogna cambiarle. Mettere tutto in un sacchetto di plastica da portare in sala. Ognuno ha un suo spazio, delimitato dal nastro adesivo sul pavimento. Ognuno nel suo quadrato. Ecco, ora ci siamo tutti, o quasi. Ognuno con il carico di vissuto, più o meno difficile, di questi mesi sulle spalle. Un pensiero affettuoso per un'amica che speriamo di rivedere presto.
Eccoci qui, tutti un po' cambiati, per ballare il tip tap.
"Solid as a rock" canta Ella Fitzgerald. Solida è la voglia di esserci. Per ricominciare dalla leggerezza del tip tap, che al tempo stesso ci riporta alle radici e al sostegno della terra. I piedi suonano, trasferendo al pavimento tutto il peso del corpo, ma possono anche trasformarsi in ali. Complice la musica.
La danza, qualsiasi danza, ha un potere terapeutico. Ancora prima la musica, che offre un tempo da seguire. Un tempo preciso che permette di vivere totalmente, attraverso il corpo, la durata di un brano musicale.
Ho ascoltato tantissima musica in questi mesi. E ho lavorato sul ritmo, attraverso i miei piedi, scalzi, sul pavimento dell'ingresso di casa, in cucina, in sala, in camera, sul pianerottolo aspettando l'ascensore. Danzare sulla musica ci insegna a stare dentro. La pulsazione ci dà la regola. Il ritmo crea all'interno di essa. Nella musica come nella poesia.
Stare nel tempo, stare nel ritmo genera piacere, nei musicisti come nei ballerini, che si fondono nella musica. Stare nella musica è come cavalcare l'onda per i surfisti. Stare dentro significa sentirsi parte di qualcosa. E questo fa stare bene.
Ecco il motivo per cui amo il tip tap e coinvolgo altre persone a farlo.
L'ultimo ascolto che propongo è un brano dei Dave Brubeck Quartet, che di ritmo s'intendevano assai. Introduco la curiosa costruzione con il passaggio dai 3/4 ai 4/4 e danziamo insieme. Un, due, tre. Un, due, tre. E poi contiamo otto (o due volte quattro). Così fino alla fine. Stiamo nel tempo, ognuno come può, come si sente. Nel suo spazio quadrato. Avanti e indietro, verso l'alto, in basso. Più o meno coinvolti. Qualcuno alza le braccia. Un gesto liberatorio. Altri ancora non osano più di tanto ma c'è il desiderio di lasciarsi andare, dimenticare, farsi trasportare dalla musica.
Musica e danza. Per ricominciare.



ASCOLTA "THREE TO GET READY", DAVE BRUBECK QUARTET

Nessun commento:

Posta un commento

La vostra opinione è un regalo prezioso, grazie!